Frizione o elettrofreno?

Published in Manutenzione
Rate this item
(2 votes)

Vorrei con questo articoletto chiarire un concetto molto discusso tra i non addetti ai lavori.
Spesso mi si chiede se il motore della serranda ha la frizione, come si fa a regolarla o dove si trova, e questa domanda spesso nasce dal fatto che la serranda scende da sola. 

Gli unici motori per serranda che avevano la frizione sono i primi modelli costruiti dalla Gaposa negli anni '60. Essi furono i capostipiti dei motori centrali per serranda, robusti e potentissimi erano però costosi e complessi nell'installazione. Successivamente fu inventato il modello ancora oggi in uso, ovvero il modello scomponibile, che si apre in due parti e si monta sull'asse senza effettuare modifiche meccaniche. Questa genere di motori non ha la frizione, ma può essere dotato di un dispositivo chiamato elettrofreno che serve a bloccare la serranda in qualsiasi punto la si lasci. Nella stragrande maggioranza dei casi funziona proprio come un freno, ovvero un dischetto frenante premuto da una molla sul corpo del motore ne impedisce il movimento, quando esso viene alimentato, un elettromagnete attira a se il dischetto permettendone il movimento. In assenza di energia elettrica, sbloccando una manopola collegata all'elettrofreno tramite un cavetto inguainato, è possibile alzare manualmente la serranda

Detto questo, voglio ribadire il concetto che quando una serranda ha la tendenza a scendere da sola, la causa non va ricercata nel motore, ma nelle molle. Esse infatti, servono a bilanciare il peso della serranda, se il telo della serranda pesa ipoteticamente 60 kg, le molle devono avere una forza di sollevamento di 60 kg. in questo modo si realizza l'equilibrio tra le due forze e la serranda rimane ferma in qualsiasi punto la si lasci. Quando una delle molle della serranda si rompe, viene a mancare l'equilibrio tra le due forze, e la serranda tende a scendere da sola.